Duran Duran

duran duran 2016

Duran Duran

Un tempo riempivano gli stadi, erano il gruppo pop più in vista degli anni ottanta, assieme ai “rivali” Spandau Ballet. I tempi passano ma le emozioni restano e i gruppi si evolvono, diventano grandi e continuano a fare buona musica.

Parte in questi giorni il tour Paper Gods Tour dei  Duran Duran,  che hanno confermato, in cinque location esclusive cinque date: a partire dal 5 giugno Simon LeBon e compagni faranno tappa al Teatro Greco di Taormina, all’ormai consolidato Rock In Roma, nella splendida cornice dell’Arena di Verona, all’Arena Visarno di Firenze e al neonato Street Music Art di Milano.

A Verona, nello splendido scenario dell’Arena, che giusto qualche giorno fa ha ospitato altri ospiti nazionali e internazionali di musica leggera, si esibiranno l’8 giugno. 80 milioni di dischi che hanno ottenuto premi e riconoscimenti di vario genere – Lifetime Achievement Awards e altri riconoscimenti importanti, tra cui MTV Video Music Awards, Brit Awards, Ivor Novellos, Q Magazine e Spanish Ondas – sono in realtà famosi al grande pubblico per il successo di pubblico degli anni passati: fenomeno giovanili e di moda prima, artisti impegnati dopo. Dopo 29 anni dall’inizio della loro carriera musicale sono ancora in grado di offrire nuovi spunti musicali, in un epoca dove i fenomeni musicali nascono e muoino nello spazio di un talent show. Grande l’attesa per questi concerti, il  tour dei Duran Duran segue la pubblicazione dell’album “Paper Gods”, dodici canzoni che catturano l’essenza del gruppo. Un album nuovo con un sound audace e viscerale ma anche tanta sperimentazione. Qualcuno mormora che si tratti del miglior lavoro dai tempi di “Rio”.  Ma il concerto darà certamente spazio anche ai loro brani più famosicome “Hungry Like the Wolf”, “The Reflex”, “Notorious”, “Save a prayer”, “Rio” e tante altre perle dal passato, mentre a saltare sul palco sarà la line up originale, con Simon Le Bon alla voce, Nick Rhodes alle tastiere, John Taylor al basso e Roger Taylor alla batteria. A chiudere il cerchio è la spettacolare scenografia condita da visual, giochi di luce e video a non finire. Ad aprire la serata saranno invece le Bloom Twins, il giovanissimo duo composto dalle sorelle Sonia e Anna Kuprienko – origini ucraine e un presente londinese – che proprio questi giorni sta lavorando all’album di debutto con Nick Rhodes.

Musica, tra passato e presente all’Arena di Verona vi aspetta il prossimo 8 Giugno 2016

Previous Post

Wind Music Award 2016

Next Post

Muoversi a Verona

ghverona