L’Arlecchino – Augusto Murer

L’Arlecchino – Augusto Murer

arlecchino

Arlecchino”, scultura in legno di Augusto Murer (misure cm 50x60x190).  La serie di sculture dedicata alla maschera veneziana rappresenta un virtuale parallelo del mondo incantato degli adolescenti. Murer (Falcade, 21 maggio 1922 – Padova, 11 giugno 1985), scultore, pittore e partigiano, è stato uno dei più significativi artisti italiani della seconda metà del Novecento, con un’ampia produzione legata a temi di impegno civile ma anche alla ricerca del senso profondo dell’esperienza umana. Amava il legno perché, diceva, “sono nato tra le foreste in cui le radici, tronchi e pietre si confondono in un groviglio che corrisponde quasi all’alba della creazione. Il legno è quindi stato il materiale che ha felicemente condizionato la mia scultura; nei tronchi ho sempre veduto agitarsi tutte le altre forme di vita, già con i loro nodi nervosi, le loro vene ricche di linfe e di sangue, le loro mani protese verso l’alto anelito di libertà”.

In hotel, dello stesso artista, sono esposte altre sculture:  il “Piccolo pescatore” in legno (55x55x88) (sala colazioni)  e la “Ragazza al mare” del 1962 in bronzo (72x36x95 cm) (ingresso toilette piano -1)